ASO: novità, diritti e doveri dopo l’accordo Stato Regioni

La conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 23 novembre 2017 ha sancito l’accordo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente l’individuazione del profilo professionale dello studio odontoiatrico, quale operatore d’interesse sanitario di cui all’art. 1, comma 2, della legge n. 43/2006 e per la disciplina della relativa formazione.
La ASO quale operatore di interesse sanitario svolge attività finalizzate all’assistenza dell’odontoiatra e dei professionisti sanitari del settore durante la prestazione clinica, alla predisposizione dell’ambiente e dello strumentario, all’accoglimento dei clienti ed alla gestione della segreteria e dei rapporti con i fornitori nei termini definiti nell’accordo.
Da questo importante accordo due sono le parole chiave: operatore di interesse sanitario e formazione.
Conosciamo insieme il significato che avrà questo accordo e quale impatto sull’attività delle ASO di oggi e di domani con approfondimenti specifici.

Ti potrebbe interessare anche...